Archivi categoria: Teenagers & Social Network

Perchè i giovani “fuggono” da Facebook e Twitter?

facebook-twitter-teens

Sia Facebook sia Twitter stanno perdendo appeal e sono in calo i giovani utenti under 18 che sembrano preferire le app di messaggistica istantanea comeWhatsApp e WeChat.

A dirlo è il GlobalWebIndex che ha monitorato le registrazioni dei giovani under 18 sui social network come Facebook e Twitter. I giovani sembrano più propensi ad abbandonare il pc con una connessione internet adsl (“linea fissa”), per puntare sugli smartphone con internet mobile.

In particolare, nel corso del 2013, Facebook ha visto calare i suoi utenti under 18 del 9%, mentre per Twitter la decrescita è stata più soft: solo del 3%. Contemporaneamente sono diminuite anche le nuove registrazioni su Google+ (-4%) e suYouTube (-7%). Grande successo ottengono, invece, servizi concorrenti quali Instagram, Tumblr e Pinterest e le app di messaggistica istantanea come WhatsApp e WeChat.

I motivi di questo fenomeno? Secondo il GlobalWebIndex sarebbero legati ai problemi di privacy: in sostanza i nuovi giovani nativi digitali sarebbero più consapevoli delle problematiche legate alla tutela dei dati personali ed eviterebbero i social network.

Fonte: Checkblacklist  Continua la lettura

Facehawk & Big Data

poster-p-1-facehawk-big-data

Ragazzi e privacy in rete.. Non dovete essere miopi
Un giovane su 2 dà informazioni personali: meglio smettere!

«La Big Data è lieta di presentarvi Face Hawk». Inizia così un video che sta girando in queste ore sulle bacheche statunitensi, in polemica con il Datagate e con l’uso che le grandi star del tech fanno dei nostri dati sensibili. Tutte le nostre foto, i nostri status, i nostri pensieri più intimi e le nostre informazioni personali vanno a formare il disegno di un uccello che spicca il volo. E se hawk è il falco che vola via (e che magari prima o poi andrà down, giù, come si dice in gergo militare quando viene abbattuto un elicottero), il problema è che siamo noi stessi a non preoccuparci più di tanto della nostra privacy.

Fonte: Corriere.it  Leggi l’articolo
Guarda il video su Youtube